::.. Il Museo ..::


Il Museo Pierelli di sculture iperspaziali nasce nel 1991, quando lo scultore acquista e destina a tal fine il piano terra di un antico palazzo del ‘500 nel paese di Bomarzo, in provincia di Viterbo. L’edificio era adibito in passato all’uso di imbottamento e stagionatura del tabacco coltivato nella sottostante valle del Tevere. 
Il piano dedicato al Museo – che è adiacente al laboratorio dove Pierelli realizza le sue opere - ha uno sviluppo di circa 400mq, in un unico grande ambiente scandito da dieci duplici arcate nel senso della lunghezza. Davanti all’ingresso una superficie analoga è occupata da un giardino, che ospita anch’esso sculture di grandi dimensioni.
Il museo nasce dall’esigenza di raccogliere in un unico ambiente tutte le opere più significative per comprendere il percorso di ricerca estetica di Pierelli. Le opere, un centinaio in tutto, sono sistemate così da rivisitare idealmente il processo di continua scoperta dei valori estetici intrinseci alle teorie scientifiche più avanzate, processo nel quale talvolta, inconsapevolmente, Pierelli si è trovato ad anticipare, con intuizioni artistiche e concrete opere d’arte, teorie, teoremi e avvenimenti che la scienza avrebbe definito soltanto in seguito. Nel caso particolare di un’opera (il progetto di edificio ecclesiale ispirato all’iperspazio) solo dopo la realizzazione del modello, lo scultore ha scoperto la rispondenza della sua intuizione nel testo dell’Apocalisse di Giovanni là dove si descrive la nuova Gerusalemme.Il museo è completato dall’archivio che contiene tutti i dati dell’attivita’ artistica dello scultore, da schede sulle opere, da bibliografie e pubblicazioni varie. Per la sua particolarità di rappresentare, salvo eccezioni minori, l’intero percorso estetico di un autore, il museo è stato impiegato con successo dall’università della Tuscia di Viterbo prima e dall’università La Sapienza di Roma come museo laboratorio delle arti contemporanee e per seminari di tecnica museale.




home
|| biografia || opere || news || pubblicazioni || ricerca || credits || e-mail